Eventbrite: 20 milioni di dollari per il 'social commerce'

 

Eventbrite ha annunciato la chiusura di un nuovo round di finanziamento da 20 milioni di dollari, portando il capitale raccolto in meno di 4 anni a circa 29 milioni di dollari. I nuovi investitori sono DAG Ventures e Tenaya Capital, che si aggiungono quindi al già presente Sequoia Capital. La società conta di chiudere il 2010 con un fatturato di 200 milioni di dollari e 7,5 milioni di biglietti venduti. Eventbrite è una società specializzata nella gestione di eventi e fondata nel 2006 a San Francisco da Kevin Hartz, a suo tempo uno dei primi finanziatori di PayPal. E PayPal gioca un ruolo determinante nell’azienda di Hartz, che ne ha sfruttato la soluzione di pagamento online per costruire una piattaforma in cui organizzatori di qualsiasi genere di evento possono registrarsi, creare in pochi minuti una pagina web dell’evento e promuoverla mettendone in vendita i biglietti, che vengono appunto pagati dall’utenza via PayPal. Eventbrite, pertanto, ha aperto anche a operatori di modeste dimensioni e a singoli individui la possibilità di entrare in un circuito di vendita di biglietti online senza essere obbligati ad affiliarsi alle conglomerate di settore. Il posizionamento di Eventbrite è il cosiddetto ‘social commerce’, che in buona sostanza applica i benefici della ‘long tail’ e del web 2.0 alla vendite e alla promozione in nicchie di mercato. Agli organizzatori degli eventi la piattaforma fornisce una suite di strumenti in grado di elaborare metriche e dati di marketing molto utili, come le caratteristiche demografiche degli acquirenti e degli spettatori, il loro percorso di acquisto del biglietto e le caratteristiche del traffico sviluppato dalla pagina dell’evento. Con la recente implementazione delle API per Facebook, Eventbrite ha aggiunto all’offerta orientata agli organizzatori un servizio dedicato all’utenza: i meccanismi di ‘social discovery’ di concerti, spettacoli e conferenze funzionano oggi attraverso il marketing virale e la condivisione dell’informazione e della presenza sulle pagine personali nei social network.

Music Biz Cafe Summer: radio e TV verso il futuro
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.