Francia, un Internet provider si oppone alla legge Hadopi

Come anticipato nei giorni scorsi, l’autorità amministrativa Hadopi (Haute autorité pour la diffusion des oeuvres et la protection des droits sur Internet), creata dal governo francese per mettere in pratica la nuova legge antipirateria cosiddetta delle “tre infrazioni”, ha cominciato a operare sul campo inviando i primi avvertimenti via e-mail agli internauti identificati come presunti file sharers (quanti siano, per il momento non si sa): dalle prime indiscrezioni risulta che i “warnings” sono stati inoltrati attraverso due dei maggiori Internet Service Providers nazionali, Numericable e Bouygues Telecom.

“Attenzione”, recita il messaggio, “la vostra connessione internet è stata utilizzata per commettere atti legalmente rilevanti che potrebbero costituire violazione di legge”. “La pirateria”, prosegue il testo, “rappresenta una seria minaccia all’economia del settore culturale”.

Sembra che tutti i maggiori ISP francesi abbiano accettato di cooperare al programma governativo con l’eccezione di Free, appartenente al Gruppo Iliad: già l’agosto scorso quest’ultimo aveva chiarito di non voler partecipare a proprie spese all’attività di monitoraggio antipirateria, e di voler cercare una soluzione alternativa con il governo. La presa di posizione di Free, secondo  la presidentessa dell’Hadopi Marie-Françoise Marais, “penalizza i suoi abbonati”: i  quali, in caso di presunta attività illegale, non riceveranno il primo avvertimento via e-mail ma, se recidivi, verranno comunque raggiunti da una lettera raccomandata. In caso di terza infrazione, come noto, il procedimento passa nelle mani del giudice, che può comminare al trasgressore di legge una multa fino a 1.500 euro e sospenderne l’accesso a Internet da un mese a un anno.

 

 

Dall'archivio di Rockol - I talk show di Rockol per la Milano Music Week: “Il ticketing”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.