E' fallita l'azienda della moglie di Stevie Wonder

E' fallita l'azienda della moglie di Stevie Wonder

E' fallita, secondo quanto riporta un quotidiano di New York, l'azienda di moda di Kai Milla, moglie di Stevie Wonder. La "Kai Milla"
aveva debuttato nel 2005 e aveva avuto successo sia di pubblico sia di critica, trovando una fan anche in Michelle Obama che nel febbraio dello scorso anno aveva indossato un suo vestito verde senza maniche.

L'azienda, mirata al solo pubblico femminile, ha sospeso la produzione. Da mesi chi deve essere pagato tenta di contattare i responsabili di Los Angeles e New York, ma senza riuscirci; a reclamare sono produttori di stoffa, agenzie di modelle, impiegati e commessi. Kai Milla, di Washington DC, è la seconda moglie di Wonder. I due si sono sposati nel 2001. Il sito ufficiale kaimilla.com non risulta aggiornato da parecchio tempo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.