Sanremo, tutte le polemiche: D’Alessio, Jenny B, Gerardina, Tozzi, Minghi, padre Parente, la giuria...

Sanremo, tutte le polemiche: D’Alessio, Jenny B, Gerardina, Tozzi, Minghi, padre Parente, la giuria...
Su "La Repubblica", Silvia Fumarola scrive: «Chi si fosse perso il festival, ha potuto colmare la lacuna con "Domenica in" che ha ospitato i cantanti e ha riproposto le gag di Teocoli, i sorrisi della Sastre, eccetera. Teatro esaurito, lo staff di Vissani che prepara un gigantesco montblanc dietro le quinte, in un corridoio angusto tra soubrette in accappatoio, ballerine in mutande, discografici schiacciati contro il muro, gli uomini della sicurezza convinti di essere al G7. Uno psicodramma collettivo senza precedenti. Carmen Consoli col suo giubbotto rosso canta allegra "In bianco e nero" e in sovrimpressione appare una recensione toccante: "ha dedicato la canzone alla mamma scomparsa". Ma la mamma di Carmen è viva e vegeta, si rettifica poco dopo (e sai gli scongiuri...). (...) Scontro in diretta tra Gigi D'Alessio, neomelodico, e la giornalista de "La Stampa" Marinella Venegoni che racconta: Red Canzian telefona perché la canzone del cantante napoletano è copiata. Scambio velenoso sul palco, e per finire in bellezza, anche un "vaffa..." sibilato (ma sentito in diretta) dal cantante». Sul "Corriere della Sera" Gerardina Trovato commenta l’operato della "giuria di qualità" (vedi News per i dettagli) e attacca il «verdetto stravolto: era prima per la giuria popolare, gli esperti l'hanno fatta scivolare al decimo posto e alla fine si è classificata sesta. Già si parla di "ribaltone". La giuria di qualità ha infatti rivoluzionato le posizioni di molti cantanti dopo il voto della giuria popolare: i favoriti si sono ritrovati in fondo alla graduatoria finale mentre gli ultimi sono balzati in avanti. Gli Avion Travel hanno vinto il Festival pur essendo undicesimi; Max Gazzé e Samuele Bersani si sono ritrovati rispettivamente quarto e quinto partendo da un 14esimo e un 15esimo posto, grazie a una seconda posizione ex aequo decretata dai "saggi". Mentre i Matia Bazar sono finiti all'ottavo posto partendo dal terzo. Umberto Tozzi, arrivato ultimo, è stato l'unico ieri - ufficialmente per una leggera influenza - a non presentarsi a "Domenica in". Un'assenza giudicata polemica.
Durissima la Trovato: «Non era previsto un mio ritorno così. Dunque i cosiddetti esperti mi hanno "sbattuto" al decimo posto per essere sicuri di non farmi vincere. Un gioco talmente palese... Ma per me la grande vittoria è stata lunedì sera (quando è arrivata prima con i voti della giuria popolare, ndr), il resto non conta. E poi chi sarebbero questi grandi esperti musicali? Forse un regista di film horror? Ho i miei dubbi". Ed ecco Minghi-Nava - settimi all'inizio, quindicesimi per gli esperti, 14esimi in graduatoria finale - ieri pomeriggio sul palco del teatro Ariston a polemizzare con i giornalisti (Minghi: "Sento dire che a Sanremo non vengono cantautori, vorrei ricordare che io lo sono") e con il verdetto finale, dietro le quinte: "E' chiaro che la giuria di esperti - spiega Mariella Nava - si è fatta condizionare e ha deciso di portare su una musica diversa e giù l'altra. Ma hanno tralasciato chi questo mestiere lo fa da una vita, anche con innovazione". Più sportivi i Matia Bazar. "Fa parte delle regole del gioco - dicono - e se non sei pronto ad accettarle, meglio stare fuori. Ma almeno per una settimana ci siamo cullati sul risultato popolare che ci ha molto gratificato. Gli esperti? Stanno cercando di dare una linea nuova al festival: meno tradizione più modernità". Soddisfatti invece i "salvati". "Sono pronto a tornare il prossimo anno", annuncia Morandi. "La giuria di esperti ha lavorato bene - commentano Bersani e Gazzé -. Se esiste una realtà musicale diversa, l'underground, va evidenziata anche a Sanremo. Questa classifica lo prova. Dovrebbero votare insieme, l'ultimo giorno, esperti e popolari. Non si può dare un giudizio dopo la prima sera: chissà, ora potremmo essere tra i primi tre"».
Polemiche con strascico legale segnalate da "Il Giorno". «Gli organizzatori del Festival hanno trasferito all'ufficio legale della Rai gl'incartamenti relativi al "caso" di Padre Alfonso Maria Parente, il "frate-rock" del Convento di Padre Pio classificatosi sesto nel girone "Nuove Proposte", al centro di un caso con risvolti che vanno dalla truffa al falso ideologico. Per poter partecipare alla gara, infatti, il religioso ha dichiarato di essere nato il 29 marzo 1966, ma il "Secolo XIX" prima ha scovato un documento della Curia provinciale dei Cappuccini di Foggia da cui risulterebbe nato nel '62 e, mentre sabato Parente smentiva, ieri ha pubblicato una dichiarazione in cui il frate stesso ammette: "Sì, ho 38 anni". Se così fosse, dato che il regolamento della sezione giovani impone ai concorrenti di non aver compiuto il trentacinquesimo anno di età al momento dell'iscrizione, Parente andrebbe squalificato, col rischio di far scivolare nell'illegalità anche l'intero risultato finale». E a minacciare la querela c’è anche la madre di Jenny B., Concetta Bersola. La madre naturale della vincitrice di "Sanremo giovani" dice: «Vorrei che Jenny avesse il cuore buono e bello come la voce. Invece leggo su un giornale che io mi sarei fatta viva solo perché ha fatto successo. Se il mio avvocato mi dà il consenso per querelare Jenny per diffamazione, io lo faccio. (...) Posso anche chiedere la perizia mentale di Jenny. Ma mi conviene? Non la chiederò perché non voglio danneggiarla, non voglio crearle problemi. Lei ora si trova su un palco, pensa di essere arrivata. Ma non è così».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.