Pavarotti, le tasse, il governo e Berlusconi

Pavarotti, le tasse, il governo e Berlusconi
Su "La Stampa", Luciano Pavarotti viene interpellato sulle voci riguardanti l’eventuale sequestro, per motivi fiscali (vedi News) del suo cachet del Festival. «"L'ho sentito dire anch'io. Ma ho un buon rapporto col governo. Bisogna che si veda se le tasse pagate sono sufficienti o no. Posso dire che ho pagato più tasse di altri". E, come momento meno piacevole della settimana, ha citato il "vedere gente che usa gli altri come carne da macello. Ma con me ha da fare perchè ce n'è tanta". Nella rubrica "Antenna", curata da Giorgio Dell’Arti, si segnala che, intervistato dal settimanale "Chi", Pavarotti racconta che «il primo a intuirne le potenzialità di personaggio televisivo non è stato Fabio Fazio (che lo ha voluto a Sanremo), ma Silvio Berlusconi: "Mi propose di condurre "Ok, il prezzo è giusto".. Io gli feci notare che avrei dovuto abbandonare una professione che amavo troppo e lui ha capito benissimo. Sono felice che il testimone sia passato a Iva Zanicchi: a ognuno il suo"».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.