YouTube, continua la lite con gli autori tedeschi (dopo l'accordo coi francesi)

Chiuso un accordo di licenza con la società italiana degli autori SIAE e – da pochi giorni – con la francese SACEM (in rappresentanza di 132 mila autori/editori e di 40 milioni di opere musicali: il contratto è valido fino al 2012), YouTube non è ancora venuta a patti con la tedesca GEMA. Quest’ultima, a seguito di un anno di trattative infruttuose per il rinnovo del contratto, nel giugno scorso aveva richiesto al tribunale la rimozione immediata dalla piattaforma di circa 600 video; nel mese di agosto, tuttavia,  il tribunale aveva respinto la sua domanda di ingiunzione preliminare.

La vertenza riprenderà nelle prossime settimane, e riguarda la ripartizione dei proventi generati da YouTube: gli autori tedeschi sembrano voler insistere sulla soluzione della royalty “per play”, calcolata sul numero di video visti; la Web company propone al contrario un accordo di “revenue sharing”, cioè di spartizione “flat” degli introiti generati da pubblicità e sponsorizzazioni. 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.