Londra: otto anni dopo, la Mute torna indipendente

Ceduta otto anni fa alla EMI Music (per 23 milioni di sterline), l’etichetta Mute torna indipendente. Daniel Miller, che fondò la indie inglese nel 1978, ha raggiunto un accordo con la major in base al quale potrà utilizzare in licenza lo storico marchio per la sua nuova impresa discografica; quest’ultima farà affidamento sulla struttura Label Services della EMI per i servizi di vendita, distribuzione, sincronizzazione, licenze e merchandising nei territori di Regno Unito, Irlanda, Canada e Stati Uniti, ricorrendo a distributori e partner indipendenti sugli altri mercati (in Italia la promozione sarà affidata a SpinGo! e la distribuzione a Self).. A Miller, che assumerà un ruolo di consulente A&R per conto della EMI, quest’ultima  offrirà appoggio anche sul piano della gestione dei business affairs e dell’amministrazione royalties acquisendo in cambio una quota di minoranza della nuova società. La EMI e la nuova Mute si spartiranno anche il roster: la major terrà nel suo cast Depeche Mode, Goldfrapp, Richard Hawley, Kraftwerk e White Rabbits, mentre Miller porterà in dote alla nuova etichetta artisti come Nick Cave and the Bad Seeds, Grinderman, Yeasayer, Erasure, Andy Bell, Liars, Polly Scattergood e A Place To Bury Strangers.

    Ceduta otto anni fa alla EMI Music (per 23 milioni di sterline), l’etichetta Mute torna indipendente. Daniel Miller, che fondò la indie inglese nel 1978, ha raggiunto un accordo con la major in base al quale potrà utilizzare in licenza lo storico marchio per la sua nuova impresa discografica; quest’ultima farà affidamento sulla struttura Label Services della EMI per i servizi di vendita, distribuzione, sincronizzazione, licenze e merchandising nei territori di Regno Unito, Irlanda, Canada e Stati Uniti, ricorrendo a distributori e partner indipendenti sugli altri mercati (in Italia la promozione sarà affidata a SpinGo! e la distribuzione a Self).. A Miller, che assumerà un ruolo di consulente A&R per conto della EMI, quest’ultima  offrirà appoggio anche sul piano della gestione dei business affairs e dell’amministrazione royalties acquisendo in cambio una quota di minoranza della nuova società. La EMI e la nuova Mute si spartiranno anche il roster: la major terrà nel suo cast Depeche Mode, Goldfrapp, Richard Hawley, Kraftwerk e White Rabbits, mentre Miller porterà in dote alla nuova etichetta artisti come Nick Cave and the Bad Seeds, Grinderman, Yeasayer, Erasure, Andy Bell, Liars, Polly Scattergood e A Place To Bury Strangers.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.