Nuovi iPod Nano e iPod Touch, la recensione di Rockol

Nuovi iPod Nano e iPod Touch, la recensione di Rockol

Rockol ha provato i nuovi prodotti musicali della Apple, l’iPod Touch e l’iPod Nano, presentati la settimana scorsa, e nei negozi da questi giorni. Due prodotti che segnano delle grosse innovazioni, soprattutto nel Nano.

6 generazioni in 5 anni: l’iPod Nano è sul mercato dal 2005, da quando rimpiazzò il “mini”, ma la 6G appena arrivata nei negozi è la più radicale reinvenzione di quello che è il più popolare lettore musicale digitale di Apple.

Un quadratino metallico colorato pochi cm per lato: assomiglia al “vecchio” iPod shuffle, il cosiddetto 2G (a cui assomiglia anche il nuovo Shuffle 4g, che però è decisamente più piccolo). Solo che al centro del Nano non ci sono i tasti, ma uno schermo touch in vetro. Quattro icone per schermata, orientabili e spostabili come ci pare, poche funzioni, ma assai funzionali: la musica (a cui sono dedicate 7 icone: riproduzione, playlist, artisti, mix genius, brani, album, compositori); le foto (caricate in versione ridotta), radio (incorporata), podcast , fitness (per tenere traccia delle attività) e orologio (viene voglia di agganciare un cinturino alla clip sul retro…).

Il tutto si comanda con una versione ridotta di iOS, il sistema operativo che gira su iPhone e Touch: sensibilità eccellente, menù chiari e funzionali, tasti di controllo che compaiono toccando lo schermo (e che si aggiungono ai tre fisici sul bordo, due di volume e accensione): pausa, avanti e indietro più un tastino info; facendo lo “swipe” verso sinistra compaiono la ripetizione, il casuale (attivabile anche scuotendo l’iPod) e la playlist genius. Strisciando il dito verso destra si ritorna al menu principale, come in tutto il sistema.

L’iPod Nano è un bellissimo oggetto, microscopico rispetto alle versioni precedenti (i caratteri piccoli potrebbero creare qualche problema di lettura, però). Perde la funzione video (di cui viene riprodotto solo l’audio; chissà che non venga recuperata) e ovviamente la videocamera. L’abbandono dei tasti fisici, ormai relegati allo Shuffle senza schermo e al Classic (che però non è stato aggiornato) è un vero salto in avanti, che per qualcuno potrebbe risultare troppo lungo. 

Per quanto riguarda l’iPod Touch, ormai si può tranquillamente dire che non è più il “fratello scemo” dell’iPhone, ammesso che lo sia mai stato. Presentato nel 2007, inizialmente era come il telefono, ma senza telefono, dedicato a musica, video, navigazione e poco altro. L’introduzione dell’App Store nel 2008 è stata la svolta, trasformando il Touch in una console multimediale dedicata soprattutto ai giochi.

La nuova versione, la cosiddetta “4G” o quarta generazione, è la prima vera revisione sostanziale dal 2007 ad oggi, e lo si percepisce fin dalle prime battute: bordi arrotondati e fondo piatto, sempre su metallo lucido (peccato che non sia satinato e/o colorato, come per altri prodotti della famiglia Apple). Ancora più sottile, ma decisamente solido. Due fotocamere, una davanti, centrale e una dietro, con tanto di microfono.

Insomma, rinnovamento nella continuità: il “form factor” non è così diverso dal passato, ma è stato migliorato sensibilmente. Il Touch, poi, guadagna soprattutto due cose: il “retina display”, lo schermo ad alta risoluzione già visto sull’iPhone4, davvero brillante e definito. Dà una marcia in più al Touch, soprattutto in ottica di gaming: se provate un App che lo sfrutta, vi renderete conto che non ha rivali in quanto a grafica, in questo settore di mercato.

E poi la videocamera. Che serve sostanzialmente a due cose e mezzo. Le videochiamate con FaceTime, che viaggiano su wi-fi in modo semplice (appoggiandosi ad un account Apple e relativa email) e funzionano solo con altri touch e iPhone4 (che devono essere aggiornati al firmware 4.1, reso disponibile  l’altroieri). Poi si può ragionare sull’utilità della videochiamata, su come rimuova quell’utilissima privacy che vi permette di chiamare in mutande e/o bigodini qualcuno… Ma la camera di ripresa si può scegliere con un tasto a video: se usate la camera sul retro del touch, di fatto potete fare un “live streaming” di quello che state vedendo; sempre agganciati al wi-fi, chiaramente.

Poi c’è il secondo uso, che è quello per girare video: a 720p, in alta definizione, di ottima qualità ma senza zoom. Il consiglio è quello di investire qualche euro e comprare la versione portatile di iMovie, lo snello e funzionale programma di editing video.

Il terzo uso a metà è quello fotografico: la camera del touch fa foto a bassissima qualità, di neanche un megapixel: non è chiaro se per limitazione hardware o software, ma comunque peggiori del primissimo iPhone e lontanissime dai 5mp dell’iPhone4 (che ha pure il flash). Quasi inutilizzabile, da questo punto di vista. Una strategia di differenziazione assai discutibile

Pur con questo difetto il nuovo Touch è davvero un salto in avanti rispetto ai vecchi modelli. Ne conserva la capienza (16, 32 o 64gb), l’identità ma rinnova in maniera decisa molte funzioni (il gioco su tutte) e ne aggiunge di nuove.

Prezzi da 169€ a 199€ per il nano (8 e 16 gb) e da 239€, 309€ e 409€ per il Touch (nelle versioni da 8, 32 e 64gb). 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.