Pirames, attivo il contratto per la 'monetizzazione' degli utilizzi su YouTube

Grazie agli accordi sottoscritti (a partire dallo scorso mese di aprile) tra Pirames International e YouTube, etichette e artisti indipendenti distribuiti in formato digitale dalla società di Federico Montesanto hanno ora modo di “monetizzare” concretamente la loro presenza sulla piattaforma di video-sharing, incassando proventi da ogni singola visualizzazione dei propri contenuti. 

Gli strumenti tecnici forniti da Google (il “Content ID” che consente l’identificazione dei contenuti  marchiati da un fingerprint esclusivo, il CMS o Content Management System che permette di monitorare in tempo reale gli utilizzi degli stessi sulla piattaforma) permettono infatti di attribuire a ciascun titolare del repertorio, in proporzione alle visualizzazioni, una quota dei ricavi generati dai messaggi pubblicitari presenti sul player video o sulle “watch pages” di YouTube, anche nel caso di “audio swap” con cui utenti terzi del sito abbinano ai propri video “user generated” una delle tracce audio disponibili sulla libreria di Google.

Oltre a questa monetizzazione per così dire di “base”, legata alla fruizione dei contenuti audio e video originali, i partner di Pirames possono beneficiare (firmando un contratto di servizio integrativo ma gratuito)  di una monetizzazione “premium”, che si articola nella possibilità di ricavare proventi da qualunque altro contenuto postato sulla piattaforma (per esempio video live, interviste, documentari o sequenze di immagini) e da ogni visualizzazione sul proprio canale YouTube (o anche da canali privati o monotematici). 

“Personalmente credo molto in questo nuovo servizio”, spiega Montesanto, “e ritengo che se utilizzato nella maniera corretta, in 6/8 mesi lo stesso possa anche superare i proventi generati dal digital download”.

 

Music Biz Cafe, parla Ghemon
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.