EMI, fuori i top manager Werre, Mann e Gatfield

Ennesimo ribaltone ai piani alti della EMI Music, da qualche mese sotto la guida dell’ex responsabile delle edizioni musicali Roger Faxon: escono di scena, infatti, tre personaggi chiave dell’organizzazione come Ronn Werre (chief operating officer in Nord America e Messico) e i due “music men” Billy Mann e Nick Gatfield, entrambi con notevoli trascorsi artistici (Mann era presidente della divisione New Music a livello internazionale, oltre che responsabile dell’artist management a livello globale; Gatfield era presidente dello stesso reparto in Nord America, Irlanda e Regno Unito); pochi giorni prima di loro aveva lasciato l’azienda anche il responsabile del catalogo e del marketing a livello globale, Ernesto Schmitt.  Tra i commentatori fa specie soprattutto il “sacrificio” di Werre, che con i megasuccessi di Katy Perry e Lady Antebellum  aveva risollevato notevolmente le quotazioni della EMI in America, portandola vicina alla quota di mercato della Warner: ma pare – così almeno sostengono alcuni “insider” – che con Faxon non si sia mai trovato sulla stessa lunghezza d’onda.

    Ennesimo ribaltone ai piani alti della EMI Music, da qualche mese sotto la guida dell’ex responsabile delle edizioni musicali Roger Faxon: escono di scena, infatti, tre personaggi chiave dell’organizzazione come Ronn Werre (chief operating officer in Nord America e Messico) e i due “music men” Billy Mann e Nick Gatfield, entrambi con notevoli trascorsi artistici (Mann era presidente della divisione New Music a livello internazionale, oltre che responsabile dell’artist management a livello globale; Gatfield era presidente dello stesso reparto in Nord America, Irlanda e Regno Unito); pochi giorni prima di loro aveva lasciato l’azienda anche il responsabile del catalogo e del marketing a livello globale, Ernesto Schmitt.  Tra i commentatori fa specie soprattutto il “sacrificio” di Werre, che con i megasuccessi di Katy Perry e Lady Antebellum  aveva risollevato notevolmente le quotazioni della EMI in America, portandola vicina alla quota di mercato della Warner: ma pare – così almeno sostengono alcuni “insider” – che con Faxon non si sia mai trovato sulla stessa lunghezza d’onda.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.