NEWS   |   dalla Stampa / 05/02/2000

Sanremo: premio alla carriera per Tony Renis, con contorno di veleni

Sanremo: premio alla carriera per Tony Renis, con contorno di veleni
Tutti i quotidiani nazionali riprendono la notizia del premio alla carriera per Tony Renis e si dedicano soprattutto alle reazioni che la stessa suscita nell’ambiente musicale. Tony Renis è il vincitore del premio alla carriera istituito quest'anno dal Comune di Sanremo e che gli sarà consegnato al Festival; ecco la motivazione, tratta dal "Corriere della Sera": "Renis, con canzoni come "Quando quando quando" e "Uno per tutte", vincitrice nel '63, ha dato lustro alla musica italiana e al Festival in tutto il mondo".
La reazione di Renis, da "la Repubblica": «Chissà, forse per questo premio potrei anche tornare a cantare... Mi onora e mi lusinga ... Per un artista italiano è come un Oscar alla carriera: Sanremo è la mamma della nostra canzone nel mondo; questo premio potrebbe diventare la risposta italiana ai Grammy. Lo avrebbero meritato Celentano e Mina. Ma anche Vanoni, Zanicchi, Nilla Pizzi, Pravo, Morandi, Dalla. Quanto a me, tutto cominciò a Sanremo. Partì da lì il successo di "Quando, quando, quando". L'han cantata tutti: dalla Callas alla Monroe. Nel mondo è la canzone più nota con "Volare" e "O sole mio". Pare la fischiettasse pure Mao Zedong».
Tutti felici? Non proprio: "...Il premio a Renis strappa parole amare a Patrizia Baldi, vedova di Claudio Villa: «Claudio è stato dimenticato da Sanremo ... La storia di Renis è legata a successi più internazionali, Claudio o Modugno sono andati a Sanremo decine di volte, detengono il record di vittorie, rappresentano la memoria storica». Non polemizza invece la vedova di Modugno, Franca Gandolfi: «Sono molto contenta per Tony. Uno straordinario artista, grande amico di Mimmo».
Su "Il Giorno", con incomparabile delicatezza nei confronti del premiato, l’assessore Bissolotti spiega: "... Se fosse stato ancora vivo, il premio lo avremmo dato a Modugno". E, sulla stessa testata, ecco anche l’intervento di Katia Ricciarelli, che se la prende con il suo collega più prossimo: «Pavarotti a Sanremo? Non può fargli bene, non è il suo mondo. Questa esperienza, addirittura, potrebbe ritorcerglisi contro; tanto meno aiuta la lirica... La Rai ha pensato solo al ritorno di immagine, ma in quel contesto lui è un pesce fuor d'acqua in mezzo ai divi della musica leggera che gli stanno attorno».
Scheda artista Tour&Concerti
Testi