Streaming in hi-fi (e senza pc): anche Spotify sui player di Sonos

Dopo gli accordi che hanno messo a disposizione dei suoi clienti i contenuti di servizi di streaming come Last.fm, Pandora, Rhapsody, Napster e Deezer, la società californiana Sonos, produttrice di  apparecchiature hi-fi funzionanti in modalità wireless che permettono di “catturare” musica da Internet e di ascoltarla simultaneamente in più stanze della propria abitazione, ha firmato un contratto di collaborazione anche con Spotify, leader europeo di settore. Da fine settembre l’impresa di Santa Barbara renderà dunque disponibile ai possessori dei suoi riproduttori stereo un aggiornamento gratuito del software, utilizzabile nei territori di Svezia, Finlandia, Norvegia, Olanda, Francia, Spagna e Regno Unito; per attivarlo è tuttavia necessario essere abbonati all’offerta “premium” di Spotify, che costa 9,99 euro (o sterline) al mese.  “Si tratta di una rottura piuttosto radicale rispetto alle modalità abituali di consumo della musica”, ha spiegato al settimanale Music Week Faisal Galaria di Spotify. “Per la prima volta è possibile ascoltare musica in streaming senza un pc”.

Il sistema di riproduzione audio sviluppato da Sonos ha per terminali dei piccoli e maneggevoli riproduttori ad alta fedeltà (399 euro il costo, Iva inclusa, del nuovo modello S5) dotati di amplificatore digitale a cinque vie (2 tweeter, due midrange e 1 subwoofer) e collocabili in qualunque ambiente domestico. Per attivare lo streaming da Internet basta collegarne uno (oppure una apposita centralina, ZoneBridge, del costo di 99 euro) al router di accesso alla banda larga; gli altri si mettono automaticamente in funzione senza fili. Grazie a un’applicazione gratuita è possibile pilotare l’impianto e utilizzare come telecomando il proprio iPhone o iPad, effettuando anche ricerche per brano e artista e selezionando eventualmente musiche e livelli di volume diversi per le diverse stanze della casa. Oltre che ai maggiori servizi digitali in streaming, il software permette di accedere a migliaia di stazioni Internet e alla libreria di iTunes (non solo i brani archiviati nel telefono, e anche a computer spento); sul sito della società è disponibile un filmato dimostrativo del prodotto. 

 

 

 

Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.