Tolta pubblicità 'razzista' dall'edizione sudamericana di 'Rolling Stone'

Tolta pubblicità 'razzista' dall'edizione sudamericana di 'Rolling Stone'
Tolta dall'edizione sudamericana di "Rolling Stone" una pubblicità in cui figurava, in modo ritenuto "umoristico", il Ku Klux Klan. L'annuncio era dell'azienda statunitense Hawaiian Tropic (creme abbronzanti) e vedeva un bianco trascinato via, da due membri del Klan, dalla piscina presso la quale si stava abbronzando. "L'idea era che uno diventa così scuro che ti viene a prendere il Ku Klux Klan", ha detto Carlos Perez, creative director della Grey Argentina, l'agenzia pubblicitaria che ha escogitato la campagna. Ma la cosa in Argentina non è piaciuta per nulla e, dopo reclami locali ed un richiamo da parte del quartier generale statunitense, l'annuncio è stato ritirato. "Non ci attendavamo questo tipo di reazione. Ci spiace, è stato un errore", ha detto Victor Hugo Ghitta, editorial director dell'edizione sudamericana di Rolling Stone.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.