Germania: Nadja Benaissa (No Angels) colpevole, ma non andrà in prigione

Nadja Benaissa, la componente della girl band tedesca No Angels che tentò deliberatamente di contagiare alcuni suoi partner col virus dell'HIV per mezzo di rapporti non protetti, è stata giudicata colpevole dal tribunale di Darmstadt, nella regione tedesca dell'Assia.

L'artista, tuttavia, non sconterà alcuna pena detentiva, essendo stata la reclusione di due anni sospesa. Nadja Benaissa si disse rea confessa, ammettendo di essere "addolorata nel più profondo del cuore" per quanto accaduto. L'unico uomo che la accusa di averlo contagiato sostiene di aver avuto una relazione di tre mesi con lei nel 2004. La Benaissa, padre di origini nordafricane e madre di origini rom, ha a sua volta una figlia di sette anni: unitasi alle No Angels nel 2000 dopo aver partecipato ad un talent show, Nadja rimase in forze al gruppo (vendendo in patria oltre cinque milioni di dischi) fino al 2003, anno dello scioglimento.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.