Usa: i musicisti rischiano di perdere i diritti d’autore

Un emendamento alla legge americana sui diritti d’autore (il Copyright Act) approvato un po’ a sorpresa dalla Camera dei Deputati, potrebbe rivelarsi un’arma potentissima in mano alle case discografiche, dal momento che permette a queste ultime di considerare i musicisti come "impiegati part-time", offrendo il destro per paragonare un album a una compilation, o a una "raccolta di opere", e impedendo agli artisti di godere dei diritti d’autore.

La loro figura verrebbe paragonata a quella di un semplice prestatore d’opera (come il produttore o i fonici) nell’ambito di un lavoro collettivo appartenente in toto e per sempre alla casa discografica. A spingere per l’emendamento è stata naturalmente l’associazione delle major americane, la Recording Industry Association of America, il cui presidente Hilary Rosen spiega che ogni etichetta discuterà con l’artista la sorte dei diritti d’autore prima della stipulazione del contratto così come molti artisti fanno prima di incidere un disco con i loro collaboratori, per assicurarsi l’esclusivo godimento delle fortune ottenute dal disco. Attualmente, gli artisti hanno tutti i diritti sulla propria musica 35 anni dopo la pubblicazione. Ora una sottocommissione della Camera dei Deputati esaminerà la nuova norma prima dell’entrata in vigore. Alcuni musicisti intervistati da "Billboard" (tra i quali Don Henley, James Taylor e Coolio), si sono detti molto preoccupati. Ron Stone, agente di Tracy Chapman, Los Lobos, Ziggy Marley e Bonnie Raitt, ha commentato: "Ho cercato più volte di organizzare una specie di sindacato degli artisti, che però non amano iscriversi a nulla. Questo è il risultato. Il parlamento è assediato dalle lobby delle radio, della tv, dei promoter e delle case discografiche. E gli artisti, a differenza della gente che guadagna su di loro, non hanno nessuna voce in capitolo". .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.