La musica antitarme dei Naftalina

La musica antitarme dei Naftalina
«Ho preso il punk dall'armadio dov'era in naftalina da anni, gli ho dato una spolverata aggiungendo un suono un po' più melodico e testi in italiano». Così Peter, 20 anni, sintetizza la ricetta musicale dei Naftalina, fornendo al contempo una delle mille spiegazioni possibili a un nome bizzarro «scelto per caso ma che continua a piacerci». Il gruppo forlivese - formato dal già citato Peter (voce, chitarra, testi e musiche), Clary (voce e basso) e Pinna (batteria) - si è imposto all'attenzione del pubblico con il singolo "Se", un brano che mescola pop e punk e che a qualcuno ha ricordato i Prozac+. «Pensare che suonavo in un gruppo che si chiamava Kinder Kolazione +» racconta Peter, che prosegue: «Poi sono esplosi quegli altri + e noi, che non eravamo nessuno, abbiamo dovuto cambiare nome».
L'incontro con Clary - che per la musica ha lasciato il lavoro di parrucchiera - è avvenuto negli ambienti musicali di Forlì: quello con Pinna, il più piccolo dei tre con i suoi 18 anni - «Va ancora a scuola, più o meno. Diciamo che è iscritto» - è avvenuto invece in una discoteca di Rimini. «Io cercavo un batterista» spiega Peter, «e tutti mi parlavano di questo ragazzo giovane ma bravissimo. All'inizio non ci credevo ma in realtà Pinna è un vero prodigio per il tipo di musica che facciamo noi».
Grazie a Marco Viroli («L'ho conosciuto nel negozio di dischi dove lavoravo e dove nel sottoscala facevamo le prove» racconta Peter) i Naftalina entrano in contatto, nel luglio del 1998, con David Sabiu (arrangiatore per Nek e Luca Carboni) e grazie a lui con Claudio Cecchetto. «Alle major non interessavamo molto: poi siamo riusciti ad avere il gancio con la Baby Records che ha deciso di rischiare su di noi e quest'estate abbiamo registrato "T.V.T.B.- Non salti come me"».
All'inizio, la formazione era a quattro - ne rimane traccia nel video di "Se" dove compare Betto « che è un nostro amico ma ha deciso di fare altro» - e Clary si limitava a fare i cori. Poi la scoperta, per caso, durante la registrazione di "Se", del piacevole effetto della voce acida di Peter mescolata con quella più melodica di Clary. «Mi sono messo a cantare la prima strofa di "Se" e sembravo una checca isterica. Non per la tonalità: semplicemente, la canzone non era scritta per me. Così ho provato a farla cantare a Clary e ora le due voci soliste sono un punto di forza dell' album». Un disco, quello dei Naftalina, dove confluiscono le passioni musicali dei componenti del gruppo: «Clary è l'anima rock della band mentre io e Pinna ascoltiamo soprattutto punk californiano degli anni '90, gruppi come i Blink 182 di cui compravamo i dischi quando non se li filava nessuno».
I motivi dei Naftalina «iniziano con tre accordi e finiscono con tre accordi, sempre gli stessi per strofa e ritornello, l'ho imparato dai Nirvana» e si sposano con testi semplici e immediati: una musica «antitarme, cioè allegra e spensierata». Nei prossimi mesi - probabilmente da aprile - i Naftalina saranno in giro a suonare per l'Italia: «Non vediamo l'ora. Noi siamo un gruppo da cantina: ci piace il contatto con le persone e vogliamo fare la gavetta».
Ma i primi posti nelle classifiche delle radio e le segnalazioni sulla stampa non hanno fatto nessun effetto ai tre ragazzi romagnoli? «Siamo felici perché, per un gruppo giovane, riuscire a farsi ascoltare è difficile. Ora come ora vogliamo solo farci conoscere un po' di più ma restiamo con i piedi per terra. Abitiamo ancora a Forlì e la nostra vita è rimasta piuttosto tranquilla».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.