Regno Unito, nel 2009 exploit della musica dal vivo (ma adesso?)

Il 2010 sembra proprio un anno di magra per la musica dal vivo, come confermano le preoccupanti notizie che arrivano dagli Stati Uniti. Solo dodici mesi prima le cose andavano molto diversamente, almeno nel Regno Unito: i dati sugli incassi dei concerti britannici diffusi in questi giorni dalla società di autori ed editori PRS For Music parlano di un fatturato di 1,54 miliardi di sterline, pari a un incremento del 9,4 % sull’anno precedente. Nello stesso periodo, secondo la PRS, i ricavi dell’industria discografica sono rimasti stazionari, a 1,36 miliardi di sterline: l’industria musicale britannica “business to consumer” varrebbe dunque 2,9 miliardi di sterline, il 4,7 % in più rispetto al 2008; e a questa cifra vanno aggiunti i ricavi derivanti dalle operazioni “business to business” (diritti connessi, ma anche pubblicità e sponsorizzazioni, che nel 2009 valevano 90 milioni di sterline). 

“La sintesi di questa situazione è che stiamo facendo molto meglio di altri settori industriali”, sostiene Will Page, uno dei due analisti che hanno compilato il rapporto, sottolineando anche la funzione di traino che la musica svolge per le esportazioni e il turismo. “Abbiamo registrato una crescita del 4,7 % durante la peggiore crisi economica vissuta da questa generazione”. Il problema è vedere se possa durare, soprattutto sul fronte del live: “Gli incassi dei concerti sono cresciuti del 9 % quest’anno, ma erano già aumentati del 13 % tra il 2007 e il 2008”, ammette il suo collega Chris Carey. “Però intanto arrivano segnali preoccupanti dagli Stati Uniti, dove le arene si svuotano”.

 

 

Dall'archivio di Rockol - La dura vita della star: quando chi sta sul palco diventa un bersaglio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.