Tutto sulla casa da 120 stanze di George Harrison (che vi è rientrato ieri sera)

Ora che George Harrison sembra definitivamente fuori pericolo, e che è stato dimesso dall’ospedale - sabato sera, ma la notizia è stata diffusa solo stamattina - crediamo sia giusto soddisfare la curiosità di più d'uno che, sentito parlare d'una casa da 120 stanze, si sia domandato in che razza di abitazione viva mai l'ex Beatle. Il posto si chiama Friar Park e si trova ad Henley, nella campagna dell'Oxfordshire inglese. Si tratta di quella che i media britannici definiscono una "Gothic folly", una grandiosa magione commissionata nel 1896 dall'eccentrico vittoriano Sir Frank Crisp, noto per la sua gigantesca collezione di nani da giardino. Situata in trenta acri di giardini, l'abitazione ha 120 stanze più varie torri e torrette. Harrison l'acquistò nel 1971, poco dopo lo scioglimento dei Beatles, per 200.000 sterline dell'epoca; fino a poco tempo prima Friar Park aveva ospitato un convento di suore. Il chitarrista spese milioni di sterline per riportarla allo splendore dei tempi di Sir Crisp, facendo restaurare i passaggi sotterranei, i laghetti, le cascatelle e perfino le grotte (cinque, di cui si dice una contenga scheletri) che ospitavano i nani. Harrison era ed è così innamorato di Friar Park che ne mise una foto sulla copertina del suo album solista "All things must pass" (considerato generalmente il primo, benché preceduto da altri due: “Wonderwall music” e “Electronic sound”) e le dedicò una canzone, "The ballad of Sir Frankie Crisp". Fino a poco tempo fa uno dei due fratelli di Harrison, Harry, risiedeva anch'egli nella principesca magione, la quale è circondata da un'alta palizzata in legno e da filo spinato. Friar Park è talmente isolata che il vicino più prossimo dell'ex Beatle, il quale vive nella stessa località da trent'anni, ha dichiarato d'averlo in tutto incrociato non più di tre volte.
Resta ancora inspiegabile come Michael Abram sia riuscito a penetrare nella proprietà: per saperne di più bisognerà attendere il prossimo 11 febbraio, quando inizierà il processo a suo carico. Nel frattempo, l’attentatore rimarrà ricoverato in un ospedale psichiatrico.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.