Musica su Internet, un boom ‘frenato’

Secondo la "Reuter", il 1999 non è stato un anno di vero e proprio "boom" per la musica su Internet. A differenza di altri campi legati allo spettacolo (ad esempio, la vendita di biglietti), il piatto, per la musica online, piange. Un software troppo complicato, i prezzi troppo alti degli apparecchi per ascoltare e scaricare musica, e le ancora poco chiare questioni legali (unite a un catalogo elettronico ancora in via di sviluppo) hanno tenuto a freno anche le compagnie come MP3.com e Emusic.com. Bob Ohlwiler, vicepresidente di MusicMatch (compagnia che produce software), dice: «Nei prossimi 12 mesi sarà un business rovente, ma al momento è caotico e indefinito» . «Non ha preso piede come ci aspettavamo - commenta Andy Rathbone, autore di una guida all’utilizzo di MP3; - le case discografiche sono riluttanti a utilizzare il nuovo formato, e non rendono disponibile che una minima parte della loro musica. L’industria è stagnante, non sa come comportarsi con il mostro MP3» . Di conseguenza, secondo l’inchiesta della "Reuter", gli investitori sono a loro volta incerti; le azioni di MP3.com, Emusic e Liquid Audio sono scese. Tuttavia Ken Wirt, a capo di Riffage.com, che offre musica di band senza contratto, sostiene: «E’ un settore che si è sviluppato molto più rapidamente di quanto accaduto con cd o cassette» . E Gene Hoffman della EMusic garantisce: «Tra gennaio e febbraio usciranno apparecchi per l’ascolto decisamente irresistibili» . Da parte delle case discografiche, messaggi altrettanto positivi. Jay Samit, dirigente della EMI, annuncia che col nuovo anno la major comincerà a vendere singoli on line. «La tecnologia non è una minaccia. Darà modo di svilupparsi a nuovi mercati» .
Music Biz Cafe, parla Ghemon
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.