Testi di canzoni on-line: Razzini (Warner Chappell) parla del 'caso Leonardo'

Raggiunto da un provvedimento cautelare emesso il 13 luglio scorso dal Tribunale di Roma, il portale Leonardo.it ha cancellato i link ad Angolotesti.it e Testimania.com, i due siti italiani più popolari e frequentati tra quelli che diffondono testi di canzoni senza autorizzazione. L’ordinanza fa seguito a una denuncia inoltrata dalla Warner Chappell, major delle edizioni musicali che amministra successi di artisti come Luciano Ligabue, Gigi D’Alessio e Laura Pausini. “La nostra”, ha spiegato a Rockol l’amministratore delegato delle edizioni Warner Roberto Razzini, “è un’azione che parte da lontano: fin da quando, negli anni ’90, si trattava di intervenire contro la riproduzione illecita di testi in pubblicazioni librarie. Con Internet, ovviamente, il fenomeno si è amplificato: un po’ per carenza di informazione da parte degli utilizzatori, un po’ perché c’è chi questa ignoranza la cavalca consapevolmente. Più i testi delle canzoni si diffondono gratuitamente in rete, più si rafforza la convinzione che non sussistano diritti correlati”. Ma come mai ci si muove proprio adesso, dopo anni di Far West senza regole? “E’ vero, questo è un problema che in passato è stato spesso trascurato. Ora che abbiamo iniziato a stipulare regolari licenze per l’utilizzo dei testi, principalmente in modalità karaoke, con società come SingRing e M-Live, abbiamo voluto alzare il livello di attenzione. Ci siamo sentiti in dovere di ‘moralizzare’ per quanto possibile il mercato. Sappiamo bene quanto sia difficile assoggettare Internet a delle regole, ma ci siamo mossi e continueremo a farlo”. Warner ha puntato subito al bersaglio grosso: Leonardo, un sito che vanta 12 milioni di utenti unici. “Si trattava naturalmente di andare a colpire i  fenomeni più rilevanti di utilizzo illecito dei testi”, spiega Razzini. “La questione è abbastanza complicata: su Internet ci sono fornitori di contenuti e contenitori, siti ospitanti e siti ospiti, un complesso meccanismo di scatole cinesi in cui diventa difficile orientarsi e fare le mosse giuste.  I nostri legali ci hanno spiegato che indirizzare l’azione contro il portale era il sistema più veloce e più efficace per affievolire immediatamente la visibilità dei siti non autorizzati. Ma ci tengo a precisare che prima di partire con un’azione repressiva abbiamo a lungo cercato un dialogo, un punto di incontro: proponendo un accordo che saldasse il pregresso e impostasse un piano futuro volto alla legalizzazione di queste utilizzazioni. Purtroppo si è arrivati a un nulla di fatto: verificata la mancanza di volontà della controparte di risolvere il problema e la sussistenza evidente di un dolo, abbiamo intrapreso le vie legali. E già prima che il Tribunale emettesse la sua ordinanza, il portale aveva eliminato i link, tanto era palese l’illecito e indifendibile la sua posizione. Siamo ben consapevoli della fragilità di questi tentativi di arginare la diffusione dei testi su Internet: ma è un’azione che va compiuta, e che deve continuare. Il tutto rientra nei ruoli primari di gruppi che, come il nostro, hanno la fortuna di rappresentare repertori vasti ed importanti”.

    Raggiunto da un provvedimento cautelare emesso il 13 luglio scorso dal Tribunale di Roma, il portale Leonardo.it ha cancellato i link ad Angolotesti.it e Testimania.com, i due siti italiani più popolari e frequentati tra quelli che diffondono testi di canzoni senza autorizzazione. L’ordinanza fa seguito a una denuncia inoltrata dalla Warner Chappell, major delle edizioni musicali che amministra successi di artisti come Luciano Ligabue, Gigi D’Alessio e Laura Pausini. “La nostra”, ha spiegato a Rockol l’amministratore delegato delle edizioni Warner Roberto Razzini, “è un’azione che parte da lontano: fin da quando, negli anni ’90, si trattava di intervenire contro la riproduzione illecita di testi in pubblicazioni librarie. Con Internet, ovviamente, il fenomeno si è amplificato: un po’ per carenza di informazione da parte degli utilizzatori, un po’ perché c’è chi questa ignoranza la cavalca consapevolmente. Più i testi delle canzoni si diffondono gratuitamente in rete, più si rafforza la convinzione che non sussistano diritti correlati”. Ma come mai ci si muove proprio adesso, dopo anni di Far West senza regole? “E’ vero, questo è un problema che in passato è stato spesso trascurato. Ora che abbiamo iniziato a stipulare regolari licenze per l’utilizzo dei testi, principalmente in modalità karaoke, con società come SingRing e M-Live, abbiamo voluto alzare il livello di attenzione. Ci siamo sentiti in dovere di ‘moralizzare’ per quanto possibile il mercato. Sappiamo bene quanto sia difficile assoggettare Internet a delle regole, ma ci siamo mossi e continueremo a farlo”. Warner ha puntato subito al bersaglio grosso: Leonardo, un sito che vanta 12 milioni di utenti unici. “Si trattava naturalmente di andare a colpire i  fenomeni più rilevanti di utilizzo illecito dei testi”, spiega Razzini. “La questione è abbastanza complicata: su Internet ci sono fornitori di contenuti e contenitori, siti ospitanti e siti ospiti, un complesso meccanismo di scatole cinesi in cui diventa difficile orientarsi e fare le mosse giuste.  I nostri legali ci hanno spiegato che indirizzare l’azione contro il portale era il sistema più veloce e più efficace per affievolire immediatamente la visibilità dei siti non autorizzati. Ma ci tengo a precisare che prima di partire con un’azione repressiva abbiamo a lungo cercato un dialogo, un punto di incontro: proponendo un accordo che saldasse il pregresso e impostasse un piano futuro volto alla legalizzazione di queste utilizzazioni. Purtroppo si è arrivati a un nulla di fatto: verificata la mancanza di volontà della controparte di risolvere il problema e la sussistenza evidente di un dolo, abbiamo intrapreso le vie legali. E già prima che il Tribunale emettesse la sua ordinanza, il portale aveva eliminato i link, tanto era palese l’illecito e indifendibile la sua posizione. Siamo ben consapevoli della fragilità di questi tentativi di arginare la diffusione dei testi su Internet: ma è un’azione che va compiuta, e che deve continuare. Il tutto rientra nei ruoli primari di gruppi che, come il nostro, hanno la fortuna di rappresentare repertori vasti ed importanti”.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.