Stati Uniti, 2009: il 90 % degli album non ha venduto più di 1000 copie

Stati Uniti, 2009: il 90 % degli album non ha venduto più di 1000 copie

Chris Anderson di Wired ci aveva visto giusto, quando aveva pronosticato la progressiva frammentazione del mercato discografico; la sua celebre teoria della “coda lunga” (piccole vendite, sommate assieme, producono quote di mercato e ricavi paragonabili a quelli generati dai pochi best sellers, a condizione di trovare canali di distribuzione adeguati) non sembra tuttavia poter portare conforto all’industria discografica. Lo dimostrano i dati di Nielsen SoundScan sciorinati al New Music Seminar di New York da Eric Garland (presidente dell’ente di rilevazioni statistiche BigChampagne) e da Tom Silverman, discografico della Tommy Boy e promotore della Convention: sui 100 mila album pubblicati negli Stati Uniti nel corso del 2009, sono ben 81 mila quelli che hanno venduto meno di 100 copie, mentre sono oltre il 90 %, (92.601, per la precisione) quelli che non hanno trovato più di mille acquirenti. Al contrario, solo 1.319 novità musicali a lunga durata hanno superato quota 10 mila  copie (erano state 1.515 nel 2008),  e appena 85 hanno varcato la soglia delle 250 mila copie: solo nove anni fa, nel 2001, erano stati 214.

La fine irreversibile dell’album, a dispetto dei tentativi di iTunes di rilanciarlo come formato digitale?

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.