EMI, Sony, Universal e Warner contro la pirateria cinese

Quattro delle cinque major discografiche si sono unite per cercare di fermare l'azione illegale di due siti Internet cinesi, che continuano ad offrire agli utenti files musicali pirata. EMI, Sony, Universal e Warner - unite alla China Records Guangzhou Co. - hanno fatto causa a My Web e a Tekson, che offrono più di 1.000 brani senza avere il permesso di farlo.
In realtà, pare che in Cina ci siano più di 200 siti nelle stesse condizioni di My Web e Tekson; né il problema è limitato a quel Paese, visto e considerato che le autorità, negli ultimi mesi, sono intervenute sullo stesso tema anche in Svezia, Stati Uniti, Danimarca e Giappone. E ultimamente è stata lanciata in diversi stati una campagna dal nome "Action for Legal Music on the Internet", a cui hanno aderito, tra gli altri, anche gli svedesi Roxette.
Dall'archivio di Rockol - Album italiani: le copertine più belle di sempre
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.