Guerra di royalties, 2 milioni di dollari agli eredi di Bing Crosby

Impegnati da oltre un decennio in una vertenza giudiziaria con la Universal Music, gli eredi di Bing Crosby segnano un punto a favore e uno a sfavore: la Corte d’Appello di Los Angeles ha accordato alla società che gestisce i diritti dell’artista, HLC Inc., più di 2 milioni di dollari in royalties non pagate; tuttavia, ha respinto la sua richiesta di estinguere ogni rapporto discografico con la major e di farsi restituire i master incisi dal leggendario crooner, che tuttora detiene il record del singolo più venduto di tutti i tempi  grazie alla sua versione di “White Christmas”.  

La Universal controlla a tutt’oggi  le incisioni di Crosby realizzate a partire dai primi anni ’30 per la Decca, e la somma accordata dal giudice si riferisce alle ripubblicazioni di quei dischi su Cd: il tribunale ha accettato la tesi dei familiari, secondo cui i contratti discografici firmati dall’artista (scomparso nel 1977) garantivano ai suoi eredi percentuali di royalty più alte di quelle calcolate dalla casa discografica. “Da sempre gli artisti vengono sfruttati dalle case discografiche, e nonostante l’incredibile contributo che ha dato al mondo della musica mio padre non fa eccezione”, ha commentato dopo la sentenza la figlia Mary (nata dal matrimonio tra Crosby e l’attrice Kathryn Grant). “Sembra che le case discografiche preferiscano allungare le cause il più a lungo possibile, contando sul fatto che molta gente non ha i mezzi per tener duro. Questa tattica di solito funziona, la maggior parte degli artisti finisce per accettare accordi extragiudiziali in base ai quali riceve molto meno di quello che gli sarebbe dovuto”.

Le dichiarazioni bellicose della Crosby (a cui la Universal ha opposto un no comment) preannunciano un prosieguo della battaglia: una nuova udienza, fissata per il mese di dicembre, servirà a determinare se la famiglia dell’artista ha diritto a percepire un altro milione di dollari per le vendite di download e suonerie per cellulari avvenute tra il 2004  e il 2009.    

   

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.