'Falla' di YouTube, vittima anche Justin Bieber con scherzi crudeli

'Falla' di YouTube, vittima anche Justin Bieber con scherzi crudeli

La "falla" apertasi nei giorni scorsi su YouTube ha fatto -tra gli altri- una vittima eccellente. E' Justin Bieber, il giovane cantante che quest'anno negli USA ha sbancato classifiche e cifre di vendita con i suoi due album "My world" e "My world 2.0". Bieber, canadese, 16 anni, già aveva assaggiato le sferzate dei suoi detrattori; in passato, specialmente ad opera dei crudeli burloni della message board "4chan", Justin ne aveva viste delle belle. Stavolta ignoti, approfittando appunto di un malfunzionamento, sono riusciti a penetrare sullo spazio del cantante su YouTube e hanno postato il messaggio, apparentemente serio, che Bieber era morto in un incidente. Nel frattempo i perdigiorno sono anche riusciti a cambiare i link di alcuni suoi video in modo che gli utenti, cliccando, si sono invece trovati su siti porno. Google, che possiede YouTube, ha emesso un comunicato in cui si scusa e ammette che il problema è durato alcune ore.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.