Drake (numero 1 negli USA) denunciato per plagio

Drake (numero 1 negli USA) denunciato per plagio

Drake, il 23enne cantante e rapper canadese che ha portato il suo recente album di debutto "Thank me later" al numero 1 della classifica USA, è stato denunciato per plagio.

Secondo la Playboy Music Inc, Drake (vero nome Aubrey Graham) avrebbe campionato illegalmente, nel suo singolo "Best I ever had" del 2007, disco arrivato fino al secondo posto negli States, una canzone di proprietà della stessa Playboy Music Inc. Il pezzo, riferisce l'etichetta, è "Fallin' in love" del 1975, composizione di Hamilton, Joe Frank & Reynolds. Il trio soft-rock californiano rimase attivo fino al 1980. La label, che ha citato in giudizio anche la Cash Money Records e la Universal, chiede un compenso finanziario non specificato, che il pezzo sia ritirato dalla vendita e.
pretende inoltre l'incasso proveniente dalla vendita del singolo di Drake.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.