Perez Hilton: la sua etichetta (per ora) è un fiasco

Perez Hilton: la sua etichetta (per ora) è un fiasco

A un anno di distanza dal lancio, l’etichetta discografica che il re del blogging e del celebrity gossip americano Perez Hilton ha creato in collaborazione con la Warner Music, Perezcious, non ha ancora prodotto risultati degni di nota. Lo fa notare nel suo blog (The Daily Beast) il giornalista americano Peter Lauria, ricordando che il secondo artista messo sotto contratto dal trentaduenne Hilton (vero nome Mario Armando Lavandeira Jr.), il ventenne Travis Garland,  ha venduto (secondo i dati raccolti da Nielsen SoundScan) appena 29 mila download del singolo “Believe”: e questo a dispetto della massiccia campagna promozionale orchestrata dal suo mentore e di un manager come Joe Simpson, papà di Ashlee e Jessica

“Avere un contratto discografico con chiunque vuol dire perdere del denaro (…), e senza hits la sua credibilità di tastemaker verrà intaccata”, ha commentato Jeff Rabhan, professore d’arte all’Università di New York e manager artistico, a proposito dell’impresa di Hilton, da alcuni ritenuto lo “scopritore” di star come Lady Gaga e Katy Perry. Secondo lo stesso Rabhan, “come blogger (Hilton) può parlare liberamente degli artisti: se hanno successo  può prendersene il merito, se non lo hanno ci sono milioni di altri motivi che possono essere citati. Ora invece è direttamente responsabile per quelli che mette sotto contratto”.

A dispetto della falsa partenza, Hilton (che vanta 2,4 milioni di fedeli lettori sul suo sito e 2 milioni di seguaci su Twitter) non intende rinunciare ai suoi progetti in campo musicale: con Simon Fuller, l’inventore di American Idol, sta mettendo a punto un nuovo reality show destinato alla ricerca della prossima boy band di successo.

 

 

 

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.