USA: Obama dichiara guerra alla pirateria informatica

Il governo americano presieduto da Barack Obama ha annunciato ieri un giro di vite contro la pirateria informatica: l'iniziativa, la prima che affronti in maniera organica le problematiche connesse alle violazioni del diritto di proprietà intellettuale, vedrà coinvolti il Dipartimento di Stato, la Libreria del Congresso e l'FBI, che appronterà una speciale task force esclusivamente dedicata alla lotta contro i pirati sul Web. Dietro a tanto zelo, oltre ad una precisa strategia politica (l'industria musicale e cinematografica hanno appoggiato in maniera massiccia la candidatura del già senatore dell'Illinois), potrebbero anche esserci mere ragioni di bilancio: i mancati introiti fiscali indotti dallo scambio illegale di file sul Web ammontano infatti alla bellezza di oltre 837 miliardi di dollari l'anno.

Dall'archivio di Rockol - I talk show di Rockol per la Milano Music Week: “Il ticketing”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.