'La radio sta perdendo il pubblico giovane': lo dice un dirigente della Bbc

Ospite del Musexpo di Londra in qualità di relatore, il responsabile delle politiche musicali di Bbc Radio 1 e 1Xtra George Ergatoudis ha espresso la sua preoccupazione per l’emorragia continua di ascoltatori nella fascia di età compresa tra i 15 e i 24 anni. “Il settore radiofonico, nel Regno Unito, gode tuttora di ottima salute” ha premesso Ergatoudis, citando i dati pubblicati a maggio dalla Rajar (l’Audiradio inglese) secondo i quali  46,5 milioni di adulti, oltre il 90 % della popolazione britannica dai 15 anni in su, si sintonizza ogni settimana su un canale radiofonico. Ma anche se  Radio 1 conserva una solida entratura nel “target” 15-24 anni (con il 46 % di penetrazione in quella fascia di età), secondo il dirigente della Bbc  i giovani adulti “rappresentano un problema. Arrivare ai 15-24 enni è diventata una sfida. Con i videogiochi e con gli iPod, oggi dispongono di molte altre opportunità di impiego del loro tempo libero. Stiamo assistendo a un declino del nostro pubblico giovane. E mi chiedo se questo sia l’inizio di una graduale erosione”. 

Una possibile soluzione, ha replicato il chief operating officer di Absolute Radio Clive Dickens, consiste nell’accentuare le caratteristiche di interattività delle emittenti permettendo al pubblico di influenzare e determinare palinsesti e playlist. “Lo devi fare, se vuoi coinvolgere il pubblico giovane”, ha detto Dickens, citando il caso del suo canale Dabbl, in cui sono gli ascoltatori a decidere la programmazione musicale atttraverso procedure di votazione.

 

 

 

Dall'archivio di Rockol - Album italiani: le copertine più belle di sempre
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.