P. Diddy difende il costoso regalo di compleanno per il figlio 16enne

P. Diddy non ci trova niente di male nel regalare una Maybach al figlio di 16 anni. Il rapper e imprenditore si è difeso dalle polemiche provocate dal programma andato in onda su MTV, “My super sweet 16” che documentava i festeggiamenti esagerati per il compleanno del figlio Justin Dior Combs. “Penso che sia appropriato regalare ai miei figli quello che voglio. Non devo spiegare a nessuno come ho cresciuto i miei figli. Lo so solo io. Nessuno conosce le regole che ho loro inculcato”, ha dichiarato in un’intervista provocatoria del giornalista Martin Bashir. Quest’ultimo, oltre ad attaccarlo per aver regalato una Maybach da 360mila dollari come prima auto di un ragazzino di 16 anni, ha sottolineato il pessimo esempio che Sean “P. Diddy” Combs offre ai suoi figli, avendoli procreati con donne diverse. Combs che ha sei figli in totale, ha risposto che si prende cura di tutti i suoi pargoli e che tutti vanno nelle migliori scuole.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.