EMI Publishing, l'ad Faxon spiega: 'In Europa saremo un'unica società'

Il crollo mondiale dei fatturati discografici, la crescita rallentata del mercato digitale, la recessione economica e la pirateria sono alla base del riassetto organizzativo deciso da EMI Music Publishing in Europa, stando a una e-mail interna divulgata da Billboard.biz e che il presidente Roger Faxon ha inviato agli autori olandesi sotto contratto con la major, i primi ad essere direttamente toccati dalla ristrutturazione: a conferma delle indiscrezioni anticipate nei giorni scorsi dallo stesso Billboard, la società di edizioni musicali si prepara a chiudere i suoi uffici in Olanda (Hilversum, il 30 giugno) e in Belgio (Bruxelles, il 14 giugno), lasciando a casa 16 dipendenti (12 e 4 rispettivamente). I rapporti con gli autori locali (come Anouk in Olanda e Hooverphonic e dEUS in Belgio) verranno delegati in gran parte ad altre sedi europee della società.

“Se prima avevamo aziende autosufficienti in ogni Paese europeo”, spiega Faxon nel suo messaggio trasmesso per posta elettronica, “ora ci stiamo configurando come un’unica impresa che si estende dalla Scandinavia al Regno Unito, dalla Spagna alla Germania, dall’Italia all’Olanda e oltre, fino ad ogni altra parte d’Europa”.  Faxon assicura che in seguito alla riorganizzazione EMI Music Publishing offrirà un servizio migliore ad artisti, autori e case discografiche. Ma secondo André de Raaff, amministratore delegato del gruppo editoriale indipendente Imagem Music Group, la chiusura degli uffici può significare una sola cosa: “che la società verrà venduta”.

 

 

 

Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.