Wind Music Awards: la prima serata

Wind Music Awards: la prima serata

Lucio Dalla e Francesco De Gregori (che tornano in Arena il 4 luglio) salgono sul palco poco prima delle 9 di sera, i Lost quando ormai sono le 2 e 20 di notte: la prima parte dei Wind Music Awards, ieri sera, ha scontato le classiche lungaggini delle registrazioni televisive accumulando un ritardo di un’ora e mezza in scaletta davanti a un pubblico prima nutrito (l’ufficio stampa assicura 12.500 biglietti venduti a serata, prezzi tra i 17 e i 38 euro) e poi, inevitabilmente, sempre più sparuto. Che viene risparmiato dalla temuta pioggia, applaude, urla  e sembra sinceramente divertirsi nel mix di musica e glamour, cantanti e celebrities (o presunte tali), senza tuttavia lesinare sonori fischi quando la conduttrice Paola Perego è costretta a ripetere tre volte le presentazioni ad uso delle telecamere (interminabile il “blocco” dedicato a Renato Zero). Comprensibile, ma non c’è scampo: sono diventati una macchina televisiva, i WMA, e macinano musica secondo i moduli un po’ algidi e artificiali degli show in differita che prevedono stop e ripartenze e prediligono le esibizioni “live on track” (vale a dire voce dal vivo su basi preregistrate. Per fortuna ci sono delle eccezioni). 

Prima di salire in auto alla volta dei Magazzini Generali di Milano (dove il suo dj set è programmato per le 2) il francese David Guetta, accompagnato dal vocalist Chris Willis e da un corpo di ballo ingaggiato e coreografato da Luca Tommassini, trasforma per qualche minuto l’Arena in un dancefloor (ci riuscirà anche il comico di Zelig Giovanni Vernia, in arte Jonny Groove, cercando di coinvolgere una Perego e un Gigi D’Alessio piuttosto impacciati).  E’ solo un attimo, poi si torna al rituale delle consegne, alla sfilata di premiati e premiatori (Valeria Marini nel consueto rosso fuoco alla Jessica Rabbit, Nina Senicar in microgonna, Melissa Satta in microshort) e ai duetti annunciati: Biagio Antonacci e Club Dogo, Mario Biondi con Bluey degli Incognito, Noemi con Fiorella Mannoia, Giorgia e Gianna Nannini, Pino Daniele e J-Ax (per la classica “Yes I know my way”),  poi ancora quest’ultimo con Neffa sotto le sembianze dei Due di Picche, che dedicano la loro “Faccia come il cuore” - capita, la metafora? - ai politici italiani effigiati su cartelloni che coprono i volti di ragazze in bikini (poveracce, con gli spifferi dell’Arena). Grandi applausi per i nuovi teen idol televivisi (Emma, Marco Mengoni, persino il premiatore ed ex presidente Sony Music RudyZerbi), Zero riscatta le lungaggini con un sentito omaggio a Mia Martini (“Minuetto”), i Sonohra regalano una gradevole versione in tinta blues-psichedelica di “Piccola Katy” come tributo ai Pooh, e ci sono i primi omaggi a Michael Jackson confezionati da Tommassini, voce e chitarra per Noemi (la sua “Billie Jean” è forse la cosa migliore della serata), voce e pianoforte per Mario Biondi (“lui e Barry White, da piccoli, facevano colazione con i woofer e non con i wafer”, dice il premiatore Nicola Savino). Qualche agitazione dietro le quinte (un manager si lamenta per un disco d'oro che avrebbe dovuto essere di platino),  RTL registra per mandare in onda il 2, 9 e 16 giugno in contemporanea televisiva (a proposito, sembra ci sia un possibile sbocco alla diatriba tra network radiofonici e case discografiche sui “diritti connessi”), Italia 1 aziona le sue telecamere e si prepara a sforbiciare generosamente in fase di montaggio e postproduzione. Stasera si replica, e arriva Kylie Minogue: non parla con i giornalisti, ma – dicono – è stata modesta di pretese: nel suo rider solo sushi e un’enorme torta per esigenze di scena.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.