Bret Michaels dei Poison di nuovo ricoverato in ospedale

Bret Michaels dei Poison di nuovo ricoverato in ospedale
E, proprio quando pareva che la vita avesse ricominciato a sorridergli dopo essersi ripreso da una emorragia cerebrale, un'altra mazzata. Bret Michaels è infatti nuovamente in ospedale, non per una ricaduta ma per un leggero infarto che rischia di mandare a monte il rientro sulle scene che aveva programmato per il prossimo 28 maggio. Il cantante dei Poison, dopo aver lamentato della parziale insensibilità nella parte sinistra del corpo, si è fatto sottoporre ad alcuni test; uno di essi, il PFO (Patent Foramen Ovale), è risultato positivo. In due parole: il rocker ha un buco nel cuore. Il medico che aveva curato Michaels (47 anni, nato in Pennsylvania) per l'emorragia, il Dr. Joseph Zabramski, ha riferito che il problema è trattabile ed operabile e non ha escluso completamente il concerto di venerdì 28.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.