NEWS   |   R'n'B / hip hop / 20/05/2010

Huga Flame: 'Provocazione ed ironia sono i nostri punti di forza'

Huga Flame: 'Provocazione ed ironia sono i nostri punti di forza'

E' uscito in questi giorni il quinto album degli Huga Flame, "La città dei sogni perduti". Il nuovo lavoro di Dydo, Livio e Mc Ronin esce a due anni di distanza da "Facce da Huga". Il disco è stato anticipato dal singolo "Biancaneve", e un secondo brano, "Resterai sola", sarà a breve nei negozi: "Abbiamo voluto lanciare il nuovo disco con un brano d'impatto, che facesse sorridere e allo stesso tempo riflettere. 'Biancaneve' è un gioco di doppisensi, giocata su uno dei tanti modi di chiamare la cocaina. Non è una canzone di denuncia ma una riflessione sugli effetti che provoca questa sostanza, noi infatti ne prendiamo le distanze dicendo: 'Rimaniamo liberi e voliamo via'. Molti dei brani dell'album sono irriverenti e giocano con il significato delle parole; sono però tutte storie vere, riprese dalla nostra vita o da ciò che ci accade attorno. Il secondo brano, tratto dal nuovo album, sarà 'Resterai sola', molto più nelle corde degli Huga, è un canzone d'amore non nel vero senso della parola, poiché descrive la rabbia di chi si oppone alla sofferenza per un sentimento finito, mandando, alla fine del brano, l'ex partner a 'quel paese' anche se è doloroso. Gli Huga cercano sempre di raccontare le storie nel modo più vero possibile, in questo disco però raccontiamo il tutto in maniera quasi fiabesca: nasce infatti da qui il titolo 'La città dei sogni perduti'", affermano gli Huga Flame. La provocazione e l'ironia sono segni che contraddistinguono la band anche sul palco, infatti i loro live non sono semplici performance ma spettacoli veri e propri: "Cerchiamo di dare il meglio di noi stessi sul palco, per divertirci noi ma soprattutto per far divertire il pubblico. I nostri concerti sono veri e propri spettacoli, ci piace esibirci in 'siparietti comici' tra di noi e con i ragazzi che vengono a sentirci, ci piace far parlare di noi. Per la presentazione del disco, ad esempio, quando abbiamo cantato 'Revuelta', abbiamo fatto salire dei manifestanti con degli striscioni sul palco, è stato davvero d'impatto", proseguono i ragazzi. Gli Huga, nonostante siano davvero giovani, hanno iniziato la loro carriera dieci anni fa ed hanno una visione ben precisa della scena musicale hip-hop italiana: "L'italia ha dei talenti musicali davvero validi e brulica di rapper davvero di prima classe. In questi ultimi anni la musica rap italiana sta suscitando sempre più interesse nella gente e nei media, ne siamo davero felici. L'hip-hop italiano parla della nostra cultura ed è sbagliato davvero voler scimmiottare i 'gansta' americani, non viviamo nel Bronx e non abbiamo di certo lo stesso slang. Sarebbe ridicolo voler diventare dei cloni dei rapper statunitensi", concludono gli artisti. Gli Huga Flame saranno in tour da metà giugno e a settembre torneranno in studio per registrare il loro sesto album, di cui hanno già pronta la maggior parte dei brani. Per conoscere le tappe del tour estivo degli Huga Flame è possibile visitare il loro sito ufficiale.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi