Riorganizzazione Sony Music, escono anche Dulio e Perrone

Il riassetto di Sony Music, simultaneo al cambio della guardia tra Rudy Zerbi e Andrea Rosi, è all’origine della cessazione del rapporto di lavoro tra l’azienda di via Amedei (Milano) e altri due dipendenti, Andrea Dulio e Ilaria Perrone.

Dulio era un veterano della Sony, avendovi lavorato per ben diciassette anni; presso la sede milanese ricopriva l’incarico di responsabile della promozione per il repertorio internazionale. In precedenza, dall’88 al ’93, aveva prestato servizio alla EMI.

Perrone, laureata in 2006 in Economia per le Arti e le Comunicazioni presso l’Università Luigi Bocconi di Milano,  aveva assunto due anni fa  il ruolo di Junior Manager A&R nell’ambito del team diretto da Diego Quaglia, collaborando alla realizzazione degli album di artisti come  Alessandra Amoroso, Noemi, Pierdavide Carone e Loredana Errore; si occupava inoltre della realizzazione dei videoclip. Prima di entrare in Sony, tra il 2007 e il 2008 era stata label manager alla Kiver.

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.