Sony Music: chi succederà a Rolf Schmidt-Holtz?

Con il contratto dell’amministratore delegato Rolf Schmidt-Holtz in scadenza a fine anno, si moltiplicano le indiscrezioni riguardanti la sua successione alla guida di Sony Music. Secondo il giornalista americano Peter Lauria, solitamente bene informato, due sono i candidati tra cui si giocherà la partita: il primo è il capo del gruppo di etichette RCA/Jive Barry Weiss, secondo i “rumours” caldeggiato dallo stesso Schmidt-Holtz; il secondo è Rob Stringer, capo della Columbia/Epic nonché fratello del numero uno di Sony Corp Howard Stringer. Ma negli ultimi giorni sembrano emergere come ipotesi più concrete altre possibilità: ovvero che a Schmidt-Holtz venga rinnovato il contratto, oppure che al suo posto arrivi proprio il suo diretto superiore, Stringer sr.

Massima incertezza, come si vede, mentre Sony Music – costituita da Sony Music Entertainment, Sony Music Entertainment Japan e il 50 % della società di edizioni Sony/ATV – riporta per l’anno fiscale chiuso al 31 marzo 2010 un incremento del 35 % nel fatturato (5,6 miliardi di dollari) e del 31,1 % nell’utile di esercizio (393 milioni di dollari) grazie principalmente alle vendite del catalogo di Michael Jackson, a best sellers come gli album di Susan Boyle, di Alicia Keys e della serie televisiva “Glee”, all’aumento degli introiti derivanti da concerti, sponsorizzazioni e progetti cinematografici e televisivi e alla riduzione dei costi fissi di esercizio. I dati sono però falsati dal raffronto con un anno nel quale la società controllava solo il 50 % della joint venture Sony BMG:  riaggiustando le cifre in modo da imputare a Sony il 100 % dei risultati del bilancio precedente, ne risulta una flessione di fatturato del 5 %, dovuta all’apprezzamento dello yen (in cui sono espressi i dati) rispetto al dollaro e al crollo strutturale delle vendite di Cd. 

 

 

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.