L'IFPI studia il 'caso Italia': ISP e telefoniche possono risollevare il mercato

Un “case study” sull’Italia appena pubblicato dalla federazione internazionale dei discografici IFPI fotografa la crisi del nostro mercato musicale e i suoi passi indietro rispetto al 1999, l’anno che segnò il picco storico della discografia italiana con 432 milioni di euro di fatturato. Da allora il volume d’affari si è più che dimezzato, e se dieci anni fa il nostro Paese contribuiva per il 6 % al fatturato europeo della musica registrata a fine 2009 l’incidenza è scesa al 4 %. 

La ricerca evidenzia che nell’arco degli ultimi dieci anni è cresciuta – dal 30 al 43 % – la percentuale degli italiani che comprano musica, ma che allo stesso tempo è calata drasticamente la media degli acquisti: solo il 5 % della popolazione compra tra i 6 e i 10 Cd all’anno (contro il 22 % del 1999), mentre si è ridotta dal 9 al 3 % la percentuale degli “heavy buyers” che ne acquistano in quantità maggiori. Il mercato “fisico” ha perso nel frattempo il 68 % del suo valore, e non traggano in inganno le cifre del primo trimestre 2010 (+ 28 %), dovute solo al raffronto con un periodo, il primo trimestre 2009, caratterizzato da resi dell’invenduto assolutamente fuori norma.  Il crollo della domanda di Cd è ovviamente legato anche alla crisi del retail, che ha ridotto del 62 % i punti vendita disponibili sul territorio, da 1430 (’99) a 540 (2009), e influenza ovviamente la quantità di copie necessaria per andare in testa alle classifiche di vendita: se nel 1999 ci volevano 20-25 mila copie per arrivare al numero 1, oggi ne bastano, in media, 10 mila; il calo delle vendite riguarda soprattutto i nuovi artisti, che vendono mediamente il 30 % in meno rispetto al 2003.

Il crollo del mercato tradizionale non è stato compensato da un adeguato sviluppo del digitale, dominato prima dalle piattaforme di telefonia mobile e oggi da un iTunes privo praticamente di concorrenza.

L’IFPI attribuisce tale crescita rallentata alla scarsa diffusione delle connessioni a banda larga (cui accede solo il 39 % delle famiglie italiane), e delle carte di credito (possedute dal 29 % degli italiani, che diffidano nell’utilizzarle on-line), al prezzo elevato dei lettori Mp3 (152 euro di media, contro i 112 euro dell’Inghilterra) oltre che, ovviamente, alla pirateria, che assorbe il 99 del mercato digitale potenziale: 1,9 miliardi di file scaricati da Internet (stime della stessa Federazione) contro 19,4 milioni di brani regolarmente acquistati (le sentenze contro .The Pirate Bay e Colombo-BT.org hanno prodotto una trasmigrazione verso nuove fonti di materiale illegale come RapidShare e Megaupload).

Il futuro? L’IFPI regala una speranza, ricordando che l’Italia è il primo Paese al mondo per penetrazione degli smartphones (36 %), e che i bacini di utenza dei maggiori operatori Internet e di telefonia mobile sono rilevanti. Gli 8,5 milioni di utenti dei servizi Internet di Telecom Italia (e i 3 abbondanti di Libero e Tiscali) fanno ben sperare nelle potenzialità di piattaforme lanciate in collaborazione con gli ISP, così come i 32,6 milioni di utenti di TIM, i 29,4 di Vodafone e i 17,5 di Wind assicurano tuttora prospettive interessanti alla musica distribuita attraverso reti mobili.

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.