Australia: metà dei file sharers disposti a pagare (poco) la musica in rete

Australia: metà dei file sharers disposti a pagare (poco) la musica in rete

Non è tanto la gratuità quanto la facilità di accesso e la libertà di manovra a spingere gli utenti di Internet verso servizi come BitTorrent e RapidShare alla ricerca di musica, film e programmi televisivi da scaricare. Queste, almeno, sono le risultanze di un sondaggio effettuato in collaborazione tra il sito News.com.au e  la società di ricerche di mercato CoreData su un campione di oltre 5.700 file sharers australiani. Stando alle risposte raccolte dai ricercatori, più di due terzi degli intervistati sarebbero disposti a passare a un servizio a pagamento, se il prezzo fosse più basso di quelli correnti sul mercato: il 48,9 % del campione vorrebbe vedere i file in vendita a 50 cents australiani, 44 cents americani, il 15 % sarebbe disposto a pagare 88 centesimi Usa, e il 3 % fino a 1,77 dollari a brano (da notare che in Australia i prezzi di iTunes superano sempre il dollaro Usa). Se il 34 %, dei file sharers dice di non volere pagare neanche un centesimo, solo il 33 %  ammette di scaricare musica illegalmente soprattutto perché è gratuita, e solo il 37 % ritiene che i Cd siano troppo cari. Risulta ridotto, però, anche il tasso di conversione dei “pirati” in consumatori legali di musica: solo il 28 % risponde di usare i download come strumento di ascolto prima di decidere l’acquisto.

Quel che dimostra lo studio, osserva giustamente Glenn Peoples di Billboard.biz, è che “esistono molti segmenti (di consumatori) che mostrano un atteggiamento diverso per quanto riguarda la volontà di pagare la musica. Quelli che non desiderano pagare molto o che non desiderano pagare affatto vengono corteggiati dai servizi gratuiti finanziati dalla pubblicità, ma il problema è che il P2P offre più scelta e convenienza. Come conseguenza”, conclude Peoples, “è improbabile che la gente compia il passaggio ai servizi gratuiti senza una carota molto più invitante, un bastone efficace o una combinazione delle due cose”.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.