A&M, un punto per Alpert e Moss contro la Universal

Herb Alpert e Jerry Moss hanno pareggiato i conti con la Universal e la Seagram, cui hanno fatto causa per la "distruzione" della A&M Records da loro fondata. Il giudice della Corte Superiore di Los Angeles ha infatti ribaltato il precedente parere, che dava ragione alla multinazionale chiamata in causa, e impediva al duo di citare la Universal come singoli individui, costringendoli a entrare in tribunale come società. Ora invece i due potrebbero ottenere, eventualmente, una somma molto maggiore - la cifra di cui si parla è di 200 milioni di dollari. Secondo il parere di alcuni esperti che stanno seguendo il caso, comunque, difficilmente Albert e Moss riusciranno a dimostrare che la Universal era tenuta a rispettare l’impegno preso con loro, ovvero quello di tenere in vita per 20 anni la A&M anche dopo esserne entrata in pieno possesso.
Dall'archivio di Rockol - I migliori album tributo del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.