Uno a zero per gli ‘N Sync in tribunale: a marzo il nuovo album per la Jive

Prima vittoria degli ‘N Sync (e della Jive Records) nella guerra contro la loro vecchia etichetta. Dopo settanta minuti di dibattimento, il tribunale di Orlando non ha trovato nulla da ridire sul fatto che gli 'N Sync incidano un album per la Jive Records. Pertanto, "No strings attached", nel mese di marzo del 2000, dovrebbe inaugurare il contratto con la casa discografica di Backstreet Boys e Britney Spears, che li ha strappati alla Trans Continental e alla BMG. Louis Perlman, loro scopritore (e fondatore della Trans Continental), chiedeva che il giudice impedisse al gruppo di incidere un album per il marchio rivale prima che la giustizia si pronunciasse sul piatto forte della controversia: la causa da 150 milioni di dollari (quasi 300 miliardi di lire...) intentata dagli ex "padroni" alla boyband per rottura di contratto. A quanto sembra, ora, i legali delle due parti stanno cercando di risolvere la questione con un accordo di natura economica - nonostante lo scambio di cortesie tra i protagonisti della causa. Gli ‘N Sync si sono infatti lamentati di essere stati pagati «una miseria» da Pearlman, che ha invece spiegato al giudice di averli già pagati 13 miliardi di lire, e ha detto ai giornalisti di volere «vendetta». J. Cheney Mason, suo socio, ha dichiarato ancora più bellicosamente: «Gli faremo chiudere baracca. Non potranno più usare il nome ‘N Sync né le canzoni che avevano inciso per noi».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.