Ferretti e Zamboni – come Totò e Peppino – divisi a Berlino: il chitarrista fuori dai CSI?

Ferretti e Zamboni – come Totò e Peppino – divisi a Berlino: il chitarrista fuori dai CSI?
Giovanni Lindo Ferretti e Massimo Zamboni litigano a Berlino. Oltre al film citato nel nostro titolo viene in mente la frase "La trama s'infittisce", come diceva Snoopy alle prese - nella celebre striscia di Schultz- con il suo primo romanzo ("Era una notte buia e tempestosa"). Se infatti la partenza dei due per Berlino, alla fine di settembre, aveva dato corda alle voci che consideravano ormai certo lo scioglimento dei C.S.I. - soprattutto dal momento in cui Zamboni e Ferretti andavano a Berlino non in vacanza ma per incidere un album in proprio con la complicità/partecipazione di Eraldo Bernocchi - la lite avvenuta di recente (si parla di qualche giorno fa) tra la voce e la chitarra dei C.S.I. lascia intravedere nuovi sfondi e questioni di altro tipo, che accrediterebbero invece l'ipotesi secondo cui sarebbe soprattutto Zamboni a considerare chiuso il discorso C.S.I. Di fatto, l'unico recente concerto ufficiale del gruppo, tenuto a Milano nel corso di una serata per il Dalai Lama, ha visto il Consorzio Suonatori Indipendenti esibirsi al gran completo eccezion fatta per Zamboni, rimasto a Berlino ufficialmente per le registrazioni dell'album. L'atmosfera intorno al gruppo era sembrata serena, e la serenità è stata confermata dalle recenti dichiarazioni dello stesso Ferretti relative alla festa in musica del prossimo 5 gennaio che vedrà schierati a Firenze i C.S.I. e Goran Bregovic. I C.S.I. non si toccano, quindi. Ma ecco che da Berlino rimbalza la notizia di una furiosa lite tra i due, al termine della quale Zamboni avrebbe interrotto la lavorazione dell'album con Ferretti per tornare in Italia. La rottura sembrerebbe seria, al punto da far prospettare l'uscita dell'album a nome del solo Giovanni Lindo Ferretti. Attendiamo sviluppi, ricordando una curiosità veramente particolare: è stato proprio vent'anni fa, nel 1979, che Giovanni Ferretti e Massimo Zamboni, entrambi emiliani, si erano conosciuti in una discoteca berlinese. E forse questo non è l'ultimo dei motivi per cui il duo, da sempre molto sensibile ai segnali e alle coincidenze temporali, è tornato a lavorare in quella città. Doveva forse essere un modo simbolico per ricominciare dalle origini, una ripartenza che rischia adesso di trasformarsi nella fine di un rapporto artistico durato vent'anni e capace di regalare - prima con i CCCP poi con i CSI - alcuni tra i frutti più originali e interessanti della scena musicale italiana.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.