Morrissey e Paula Abdul 'epurati' dalla nuova Polygram?

Morrissey e Paula Abdul 'epurati' dalla nuova Polygram?
Le voci si rincorrono sul futuro degli artisti sotto contratto con la Polygram, passata sotto il controllo della Seagram e fusa con la Universal. Si dice che si stia preparando un enorme lavoro di potatura dei rami secchi, ovvero gli artisti che non vendono abbastanza dischi. Pare che esista una "lista nera" che turba i sonni dei musicisti, sulla quale siano scritti ad esempio i nomi di Morrissey e Paula Abdul, e altre star più famose che produttive. Ma la cosa è vista con favore dalle piccole etichette: Jeff Matlow, proprietario della californiana Crank Records, si dice pronto ad accogliere gli esuli: «La Seagram ha troppe star, non potrà più permettersi di pagarli nè di concentrarsi su di loro. Noi siamo pronti a farlo - per un piccolo numero di artisti che a noi interessano e a loro non più».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.