Pirateria discografica in ‘zona Cesarini’

A Napoli è stata individuata nei giorni scorsi un’organizzazione dedita alla falsificazione, alla ricettazione e alla vendita di materiale fonografico che faceva capo a tale Alessandro Cesarini. Oltre a sequestrare materiale e apparecchiature in quantità ingente, gli investigatori hanno accertato che Cesarini è stato un vero e proprio imprenditore del settore della contraffazione: la sua attività non aveva sede in scantinati e appartamenti, ma in stabilimenti nei quali erano utilizzati, come manodopera, anche minorenni e extracomunitari (i quali assemblavano e imballavano materiale contraffatto prodotto all’estero: pare anche che i pagamenti ai produttori siano spesso avvenuti con banconote false!). Tale materiale veniva poi distribuito con il marchio “Quadrifoglio”. Cesarini - soprannominato nell’ambiente “l’imperatore” per la potenza e il ruolo assunti nel settore della pirateria discografica: sarebbe accertato che era in grado di “comperare” protezione corrompendo finanzieri e poliziotti - aveva diversificato le proprie attività illecite, e trattava musicassette, compact disc, videocassette e videogiochi.
Ma la notizia più curiosa riguarda il fatto che Cesarini reinvestiva i proventi della propria attività illegale nel settore dell’industria discografica legale: «sfruttando l'enorme liquidità derivante dall'attività illegale ha acquisito, negli ultimi anni, le quote di alcune importanti società operanti nel settore discografico a Napoli, quali la Duplimagic, la Mea Sound, la Megaride Sound. Alcune di queste società sono state acquistate a vil prezzo proprio perché messe in difficoltà dall'attività illegale del Cesarini e degli altri contraffattori! L'Imperatore è così riuscito a inserirsi in posizione apicale anche nel mercato legale discografico, perlomeno napoletano, reggendo le fila di numerose aziende operanti nel settore, in particolare nella produzione e commercializzazione delle opere dei neomelodici napoletani».
Secondo i calcoli degli investigatori, l’attività illegale facente capo al Cesarini fruttava circa mezzo miliardo al mese. L’Imperatore è stato arrestato nella sua abitazione: una villa di quindici stanze più servizi, con piscina e - poteva mancare? - “sala della musica”.
Music Biz Cafe Summer: Covid-19, le sfide di artisti e discografici
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.