E’ salvo il ‘museo del rock’ di Sheffield

Il National Centre For Popular Music di Sheffield, più comunemente conosciuto come il “museo del rock”, e del quale Rockol già aveva documentato le difficoltà finanziarie, può tirare un sospiro di sollievo. Il museo, aperto lo scorso mese di marzo, aveva accumulato una perdita equivalente a circa 3 miliardi e 300 milioni di lire, ma i duecento creditori hanno accettato il pagamento d’un solo decimo della cifra loro dovuta. Tra i duecento creditori figurano la Virgin Cola e la Royal Bank Of Scotland. Il nuovo manager della struttura, Martin King, si è detto “molto ottimista” per il futuro del “museo del rock”. Il nuovo target del NCFPM è ora di 150.000 visitatori all’anno; all’apertura della struttura era stata invece indicata la cifra di 400.000.
Music Biz Cafe Summer: le collecting e l'emergenza Covid
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.