Mick Fleetwood, da rockstar a barbone a imprenditore miliardario

Negli anni ‘80, Mick Fleetwood se l’è passata piuttosto male: secondo la tastierista dei Fleetwood Mac, Christine McVie, si era ridotto a vivere nello scantinato di amici, con una coperta e un televisore che fissava sconcertato per tutto il giorno. Ora, la più recente tra le "reunion" dei Fleetwood Mac lo ha definitivamente rimesso in piedi, e il batterista è deciso a raggranellare qualche spicciolo con la sua compagnia, la Point Group, vendendone le obbligazioni per un valore di 160 milioni di dollari (circa 300 miliardi di lire). La Point Group, della quale Fleetwood possiede la metà delle azioni, si occupa principalmente di diritti d’autore e dovrebbe lanciare nei prossimi mesi un sito musicale in collaborazione con la Microsoft. Fleetwood ha ammesso che i suoi tempi bui erano causati dalla droga: «Negli anni ‘70, in tour con la band, appena sceso dall’aeroplano cercavo uno spacciatore. Credo di aver speso 8 milioni di dollari (15 miliardi di lire) in droga», raccontò nel 1997 al "New York Times". Nel 1984 fu avvertito che nonostante gli ingenti guadagni della band, si trovava sull’orlo della bancarotta. Per tutta risposta, decise di battere i record di gozzoviglia: un periodo di eccessi in tutti i continenti, compresi Africa e Singapore; come momento topico, Fleetwood cita la distruzione a bottigliate del suo Rolex da 15 milioni di lire. « Nel 1987 cominciai ad investire in una compagnia che produceva software per musicisti. Nel 1991 riuscii a farla finita con la droga. Ora le cose vanno meglio» , conclude il batterista.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.