6 miliardi a Robbie Williams dalla Pepsi

6 miliardi a Robbie Williams dalla Pepsi
Chi è il numero uno in America? Ricky Martin. Chi è il numero uno in Inghilterra? Robbie Williams. Presi tutti e due: chissà se Ligabue, attuale numero uno in Italia, è nel mirino della Pepsi Cola. Non dovrebbe essere un problema economico, visto quanto erogato dalla rivale della Coca Cola nelle tasche di Williams: 2 milioni di sterline, ovvero quasi 6 miliardi di lire per fare da testimonial in una campagna televisiva. A differenza dei suoi predecessori, tuttavia (Michael Jackson, Tina Turner, Rod Stewart, Spice Girls, Corrs) l’ex Take That ha anche ottenuto il controllo creativo sulla realizzazione dello spot. Il cantante ha deciso che il tema conduttore sarà lo slogan: "Chiedi di più (dalla vita e dalla musica)”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.