Il boom di Santana secondo i cantanti italiani

Il boom di Santana secondo i cantanti italiani
Sul "Corriere della Sera", Andrea Laffranchi intervista alcuni cantanti italiani sul ritorno di Carlos Santana in testa alle charts americane dopo 28 anni. «"Finalmente un musicista, uno che suona veramente - commenta Francesco Baccini -, torna in cima alle classifiche. E' finito lo strapotere del rap e della tecnologia". (...) "I ragazzi riscoprono l'amore per la musica che tocca le corde del cuore - spiega Biagio Antonacci - anche se sono stati abituati a Britney Spears e ad altri prodotti che, però, hanno un limite: durano poco perché non hanno un'anima". Difende i giovani Nek: "Santana è un grande anche se non l'ho mai messo nel mio walkman. I ritorni, però, funzionano solo se questi ‘vecchi’ ci riversano l'energia di un tempo e se si rimettono in discussione per mettersi al passo con i tempi". Forse per questo in "Supernatural", oltre a quella con Eric Clapton, ci sono collaborazioni con i due Fugees Wyclef Jean e Lauryn Hill (la regina dell'hip-hop trionfatrice degli ultimi Grammy), gli Everlast, Eagle Eye Cherry (figlio di Don e promessa del pop) e Rob Thomas. Per Edoardo Bennato il ritorno del chitarrista è trascinato dal successo della musica latina: "Con la sua capacità di fondere i suoni solari del Centroamerica e il rock ha fatto scuola. Mi sembra che non accusi il passare del tempo". Concorda Eugenio Finardi: "La musica latina ha due padri: Perez Prado, che Lou Bega ha resuscitato in malo modo, e Santana che si è fatto rinascere, e bene, da solo: è un gran bel disco, lui suona con quel tocco fluido di una volta e si sente che ha cambiato casa discografica: c'è di nuovo entusiasmo"».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.