Il leader dei Longpigs ‘bottigliato’ dal suo ex batterista

Sgradevole avventura per Crispin Hunt, il leader degli inglesi Longpigs.

Hunt si trovava presso il locale Boardwalk di Sheffield, intento ad assistere ad un concerto dei Pretenders, quando è stato avvicinato da Dee Boyle, batterista del gruppo fino alla sua espulsione d’inizio 1999. Boyle, almeno nella ricostruzione degli eventi fornita da Hunt, avrebbe iniziato a dare in escandescenze proprio a causa della sua cacciata, evidentemente poco digerita, ed ha poi pensato bene, forse per sottolineare meglio le sue accuse, di spaccare una bottiglia di birra in faccia al suo ex capobanda. Portato subito all’ospedale di Sheffield, ad Hunt sono stati applicati sei punti di sutura sotto l’occhio destro. «Poteva andar peggio», ha commentato filosoficamente Hunt. «Avrebbe potuto cavarmi l’occhio. E’ un peccato che si sia arrivati a questo punto, capirei se fosse una cosa alla John Lennon-Pete Best, ma siamo solo i Longpigs». .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.