Classifiche USA: bene Brandy, disastro David Lee Roth

Conferme e sorprese nelle nuove charts USA che saranno pubblicate la prossima settimana da “Billboard”. La prima sorpresa è l’insospettato mantenimento della prima posizione da parte di “Da last don” del rapper Master P; infatti, nelle classifiche USA, spesso i nuovi album del genere debuttano alti per poi cadere verticalmente la settimana successiva. La colonna sonora del film “City of angels” si conferma album dall’ottima tenuta e si piazza seconda, mentre la più alta delle nuove entrate è costituita da “Never say never” della neghittosa Brandy. I Pumpkins di Billy Corgan calano dal secondo all’ottavo posto, gli Slayer debuttano al 31° posto (peggio di quel che si pensava) col nuovo “Diabolus in musica”. Disastro totale per David Lee Roth: il suo “DLR Band” entra in Top 200 al numero 172 della classifica degli album.
Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.