Mercato discografico, l'Italia scende al nono posto nel mondo

Con un fatturato in calo del 17,4 % sull’anno precedente (252 milioni di dollari, equivalenti a 181,5 milioni di euro), l’Italia è scesa al nono posto nella graduatoria dei maggiori mercati discografici mondiali compilata dalla federazione internazionale IFPI: la precedono Stati Uniti (4 miliardi e 632,4 milioni di dollari), Giappone (4 miliardi e 49,6 milioni), Regno Unito (1 milardo e 573,8 milioni), Germania (1 miliardo e 533,3 milioni), Francia (947,7 milioni), Canada (395,9 milioni), Australia (381,6 milioni), e ora anche la piccola Olanda (265,4 milioni di dollari, 6 milioni di abitanti contro i nostri 60 milioni), mentre alla sue spalle si colloca la  Spagna (245,9 milioni di dollari).

Nel complesso l’industria discografica mondiale ha registrato nel 2009 un calo del 7,2 % (che si riduce però a 3,2 %, se si escludono i due Paesi leader), generando un giro d’affari pari a 17 miliardi di dollari; a fronte della continua flesssione del mercato tradizionale (- 12,7 %) è cresciuto del  9,2 % il comparto della musica digitale, salito a 4,3 miliardi di dollari e oggi pari al 25,3 % delle entrate complessive delle case discografiche. Ad alzare (e falsare) sensibilmente la media sono gli Stati Uniti, dove le entrate da servizi di streaming e negozi di download raggiungono ormai  il 43 % del fatturato, mentre solo Giappone (24 %) e Canada, tra i Paesi in Top Ten, raggiungono o superano quota 20 % (ai livelli più bassi ci sono Germania, 10 %, e Olanda, 6 %; l’italia è al 13 %). L'Olanda, al contrario, guida nettamente il gruppo per quanto riguarda i ricavi generati dai diritti di pubblica esecuzione (18 %), davanti alla Spagna (15 % ): in Italia le performance royalties pagate dagli utilizzatori di musica registrata (tv, radio, bar, discoteche ristoranti, alberghi, ecc.) incidono per l’11 %  sul totale dei ricavi  mentre negli Usa – dove la radio via etere tuttora non pagano alcuna royalty – la percentuale è ferma a un modestissimo 2 %.

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.