I negozi di dischi contro David Bowie

I negozi di dischi contro David Bowie

La HMV, importante catena di negozi di dischi, sta pensando a una rappresaglia contro gli artisti come David Bowie che stanno spostando il mercato su Internet, arrivando in molti casi ad anticipare la disponibilità dei dischi nei negozi.

Brian McLaughlin, direttore della HMV Europe (HMV, per chi non lo sapesse, sta per “His Master's Voice”, ovvero "La Voce del Padrone", nome che susciterà ricordi nei meno giovani), ha esplicitamente fatto il nome del Duca Bianco nella sua requisitoria. «I rivenditori non dovrebbero dare una mano a quegli artisti che mettono a disposizione le loro canzoni su Internet prima che nei negozi. Per quanto ci riguarda, è improbabile che continueremo a trattare il nuovo disco o il catalogo di David Bowie». La frase ha causato un piccolo tumulto all'incontro annuale della associazione britannica dei venditori di dischi, che McLaughlin tra l'altro presiede.


La HMV ha poi attenuato le affermazioni del suo dirigente, spiegando che i commenti erano stati fatti a livello di rappresentante della categoria, e che non si riferivano concretamente a una "serrata" della catena nei confronti di Bowie. Un portavoce della HMV ha infatti dichiarato: «Siamo molto fiduciosi nelle potenzialità di Internet. La sola cosa che desideriamo fare è dare voce alle preoccupazioni di quanti vivono della vendita di dischi, dal momento che le case discografiche hanno pur sempre il controllo delle date di pubblicazione, e che sembrano voler usare Internet solo a proprio vantaggio, dimenticandosi dei negozianti. Tutto quello che chiediamo è di avere le stesse opportunità».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.